Archivio

Archivio Aprile 2008

Niente link nei commenti

21 Aprile 2008 8 commenti

Ho notato che capita ancora, anche nelle migliori famiglie, che s’introducano nei commenti dei link digitati integralmente.

In questo modo, purtroppo, il link non è cliccabile e -ciò che è peggio- l’intera impaginazione della colonna laterale viene confusa e i suoi contenuti "tracimano" sul testo principale.

Spesso si tratta del link al proprio blog o a un post specifico: in quei casi basta indicare il nome del blog (e poi blog.tiscali.it è chiaro che ci sia), eventualmente specificando il post attraverso il suo nome.

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Colonna mia…

18 Aprile 2008 13 commenti

Ho notato che parecchi blog, anche illustri, usano abbondantemente la colonna esterna del blog per visualizzare contenuti in gran quantità. Lunghe liste di siti, commenti, risorse, immagini, quando non addirittura video di larghezza maggiore di quella della stessa colonna traboccano dal blog.

E’ questo uno dei limiti degli strumenti che il blog propone: semplici da usare, ingenui da strutturare. "Cosa eliminare? A me piace così", dicono in generale i blogger. Resta però il fatto che in questo modo la home page si allunga e si appesantisce, rendendone più lungo il caricamento e più confuso il messaggio. In molti casi sarebbe possibile sviluppare in modo diverso la grafica del blog, accorpando alcune risorse ed anche eliminandone altre. Può essere utile considerare delle alternative, no?

Categorie:Senza categoria Tag:

Tag marketing

15 Aprile 2008 3 commenti

La scrittura di un post, per quanto curato, non ne garantisce la diffusione. Spesso c’è un certo numero di visitatori ricorrenti del blog, ma non bisogna accontentarsi: per farsi conoscere ed apprezzare, la promozione è fondamentale.

Per portare lettori sulle proprie pagine è necessario andare a farsi vedere in altri luoghi "virtuali" che siano frequentati da persone interessate agli stessi argomenti che piacciono a noi. Ed ecco un’altra funzione dei tag: accomunare le persone. Una volta scritto e confezionato il post, infatti, potreste fare la ricerca di blog altrui che hanno usato gli stessi tag, visitarli e commentare i post altrui, lasciando indicazione del vostro blog e del fatto che anche voi parlate di quell’argomento. Nei lettori dei blog c’è sempre un minimo di curiosità, per cui potreste fare una buona "pesca".

Ovviamente per rendere meno episodico lo scambio di lettori tra voi e gli altri sarà opportuno anche ripassare di tanto in tanto sui blog dai tag similari, magari privilegiando quelli dai quali avete riscontrato maggior interesse.

Un ultimo consiglio: non trascurate l’appartenenza alla stessa piattaforma! Un fruitore di contenuti Tiscali sarà sempre un po’ più disponibile verso un altro blog Tiscali che non verso un blog "esterno". Sono piccole cose, ma che danno quel senso di "community", di vicinanza, che il web 2.0 ha finalmente abilitato.

Categorie:Senza categoria Tag:

Testi lunghi? Tagliàteli!

7 Aprile 2008 3 commenti

Spesse volte i post vengono molto lunghi. Il "molto" è soggettivo, certo, per cui ciascuno può valutarlo come meglio crede. Un testo lungo è difficile da leggere: in questi casi è meglio spezzarlo in più parti: due o tre vanno già bene. Se affrontate le cose dal punto di vista emotivo sarà bene lasciarlo così, solo con un "a capo" in più; altrimenti, se esprimete un concetto misto tra informazione e formazione, potreste provare a mettere un titoletto di una o due parole, che sintetizzi lo sviluppo seguente. Spesso è il caso di fare attenzione anche al lato estetico del carattere: più vi allontanate dai classici font e da una formattazione normale ("formattata" o "marginata a sinistra"), meno sarete leggibili con l’allungarsi del post.
Su questo argomento ricordo anche il consiglio di non mettere elementi di formattazione (immagini, link) nei primi trecento caratteri del testo, in modo da dare al lettore un po’ di testo per ciascun post della vostra home page. Facendo un’immagine piccola, per illustrare il post in dalla home page si può sfruttare lo spazio del cosiddetto avatar.

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,