Archivio

Archivio Giugno 2008

Blog, normativa sotto controllo

30 Giugno 2008 48 commenti

Volete un supporto che elenchi e discuta tutti i punti sui quali il vostro blog potrebbe incorrere nelle ire del legislatore? Se non lo sapete, è disponibile gratuitamente Il Minottino, un manuale sugli aspetti normativi dei blog scritto da Daniele Minotti [http://www.minotti.net/] per Simplicissimus [http://www.simplicissimus.it/], l’editore di e-book per Iliad e Cybook. Potete scaricarlo GRATUITAMENTE qui [http://antoniotombolini.simplicissimus.it/2008/05/il-minottino-e-online.html]. Alcuni dei post delle scorse settimane sono stati ispirati da questo libro.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Blog censurati nel mondo

20 Giugno 2008 14 commenti

Un interessante report sull’argomento è disponibile online sul sito del Wia [http://www.wiareport.org/index.php/2008-briefing-booklet/]. Nel mondo dal 2003 sono stati fatti 64 arresti "ufficiali" relativi al blogging di individui indipendenti, con condanne per complessivi 940 mesi. Ma i dati sono quelli delle questure, quindi i veri numeri sono nascosti e potrebbero essere molto, molto più alti.

Le condanne medie per il citizen journalism sono state di 15 mesi. L’Italia è assente da questo elenco, anche se s’è appena segnalata la multa a Carlo Ruta, il cui sito Accadeinsicilia [http://www.accadeinsicilia.net/] è stato prima oscurato e poi multato di 150 euro. Attualmente i pensieri di Ruta si trovano sul sito Le inchieste, http://www.leinchieste.com/

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

L’EUROPA PROPONE DI IDENTIFICARE I BLOG CON LUCRO

16 Giugno 2008 10 commenti

La Commissione europea ha appena rilasciato un testo che riguarda i blog e il loro futuro. Ritenendo importante la loro funzione, si vuole separare l’attività hobbistica da quella a scopo di lucro. Poiché nel testo di propone una "fee", che potrebbe essere anche una tassa, immagino che tutti i media, a partire dai blog stessi, lanceranno anatemi contro la censura. Invito tutti a leggere l’articolo (in inglese), osservando però che siamo ancora all’inizio (un testo valutato in Commissione europea è lontanissimo da una legge nazionale) e che indipendentemente da quel che si pensa, qualsiasi controversia legale basata su un utile tiene in considerazione l’entità dello stesso.
Riprendendo le parole originali, il report "Proposes the introduction of fees commensurate with the commercial value of the user-generated content as well as ethical codes and terms of usage for user-generated content in commercial publications".

http://www.europarl.europa.eu/news/public/story_page/058-31021-161-06-24-909-20080605STO30955-2008-09-06-2008/default_en.htm

 

 

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Materiali dai feed?

16 Giugno 2008 2 commenti

Più importante e generale sembra essere la questione del feed. In questa materia sembra esserci un orientamento generale che inquadra il feed all’interno del diritto d’autore. Ovvero, prendere da un feed opere d’ingegno sarebbe perseguibile. Ad esempio, molti usano i feed per acquisire senza permesso dei contenuti da siti a scaricamento bloccato: probabilmente una eventuale causa da parte del sito "originale" sarebbe vinta. A mio parere difficilmente si acquisirebbero grosse somme per danni morali e materiali, ma il rispetto del proprio diritto potrebbe essere ottenuto.

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

Link e hot link

11 Giugno 2008 7 commenti

E’ perseguibile chi mette un link e il materiale linkato è in qualche modo perseguibile? Qual è il confine tra il link e la citazione giornalistica? E qual è la scala di responsabilità tra gestore del servizio, "linkatore" e contenuto originale? La giurisprudenza è tutt’altro che stabilita e qui approfodiamo (e concludiamo) il discorso sui link aperto nel post precedente. Su link e hot link Le norme sono farraginose e le sentenze poche, ben diverse tra loro e generalmente ispirate da una inadeguata conoscenza della tecnica. La questione sembra difficile da dirimere con un regolamento generale e più probabilmente resterà oggetto di sentenze ad hoc, quindi in balìa delle singole situazioni e dei giudici di volta in volta scelti. Più chiara è la questione relativa all’hot link, che porta un contributo esterno direttamente sul nostro sito. Molti ritengono che trattandosi di una citazione diretta non si leda il diritto d’autore. In teoria è proprio l’opposto: pubblicare sulle proprie pagine un lavoro altrui senza averne i diritti non è legale, perché si sottintende un titolo che non si ha. Ovviamente è ben difficile che in queste situazioni si arrivi ad una disputa legale, ma è sempre meglio conoscere le varie interpretazioni a riguardo di ciò che si fa.

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Comunicare legalmente

9 Giugno 2008 4 commenti

 

Nonostante i tanti presunti attacchi alla libertà assoluta dei blog, finora nessuna legge ha messo alcun bavaglio generalizzato, ma c’è stato intervento solo in un numero limitatissimo di casi specifici.

Va detto che il bravo blogger, oltre a saper postare, commentare e tracciare, dev’essere anche cosciente che sta agendo pubblicamente. Oggi magari non è probabile essere denunciati per un uso scorretto dei nuovi media, ma da un momento all’altro lo diventerà.

Insomma, l’ingiuria e la diffamazione valgono anche a mezzo blog. L’ingiuria, cioè l’attacco diretto ad una persona, è poco frequente nei post ma abbastanza diffuso nei commenti. La diffamazione, ovvero l’offesa della reputazione di qualcuno comunicando con due o più persone, può essere diffusa in svariati modi.

E attenzione a riportare le parole degli altri, o anche solo linkare blog e miniblog: se la inframezzate con vostri commenti che chiaramente esplicitano il vostro consenso con la citazione, sempre diffamazione sarà.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Invito alla lettura

4 Giugno 2008 7 commenti

 Alle volte il testo del singolo post che viene presentato in home page è molto breve. Ciò dipende da scelte di formattazione che questo forum ha esposto ampiamente.

Può essere necessario dare più forza all’invito alla lettura del resto del post, normalmente affidato alla sola espressione "Vai al post", che appare in automatico ed è immutabile.

Un piccolo trucco per darle più risalto c’è: si può farla apparire in neretto. Infatti se il testo che segue ha questo attributo, anche "Vai al post" lo erediterà. Quindi bisognerà postare una prima volta, vedere dove s’interrompe il testo iniziale, mettere lì una parola alla quale ha senso dare enfasi e metterla in neretto. Una volta ripostato, il anche richiamo apparirà evidenziato.

Alcune prove su altri attributi (sottolineato, barrato, corsivo, dimensione) hanno dato esito negativo, ma magari esiste qualche altra combinazione utile. Ad esempio, cosa succederà se il testo è neretto e anche corsivo? Provate e fatemi sapere!

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,